VIII Edizione (2016)

Banner
Banner
Banner
In collaborazione con Re.Co.Sol.
In collaborazione con Re.Co.Sol.
 
8 per Mille Tavola Valdese Roma
8 per Mille Tavola Valdese Roma
 
Selezionato nel 2012 dall'UNAR come buona pratica contro il razzismo
Selezionato nel 2012 dall'UNAR come buona pratica contro il razzismo


Comunicato - Annullamento Ottava Edizione (2016)
Lunedì 29 Agosto 2016 15:56

A seguito di vari avvenimenti sull’isola di Lampedusa nelle ultime settimane e dell’accavallarsi di impegni improvvisi il Collettivo Askavusa ha deciso di annullare l’ottava edizione del Lampedusa In Festival, che si sarebbe dovuta tenere dal 30 settembre al 3 ottobre prossimi.
Ci scusiamo con chi aveva pensato di venire a Lampedusa per partecipare al festival, ringraziamo le realtà e gli ospiti che avevano dato la loro disponibilità e rimaniamo comunque a disposizione di chiunque voglia venire sull’isola per discutere ed aprire riflessioni e collaborazioni sul contrasto alla militarizzazione dei territori, alle manovre della guerra imperialista che vede la Libia come ultimo e vicinissimo teatro di guerra e a tutti gli altri ambiti che caratterizzano il nostro lavoro.
Ribadiamo che esiste una forte connessione tra politiche economiche, militari e immigrazione e che riteniamo il lavoro uno dei terreni su cui far convergere le pratiche e le analisi di tutti coloro che in questi anni si sono impegnati su vari fronti con un’ottica anticapitalista.
L’apertura di una sede del sindacato USB sull’isola va proprio in questa direzione e il nostro sforzo è e sarà quello di unificare le lotte e le rivendicazioni in una prospettiva di classe.

Collettivo Askavusa

 
Lampedusainfestival VIII ed. dal 30 settembre al 3 ottobre
Venerdì 24 Giugno 2016 10:00

SELEZIONE LINGUA: ITALIANO - ENGLISH - FRANÇAIS


 

La VIII edizione del Lampedusainfestival sarà all’insegna del confronto e dell’inchiesta.

Abbandonata definitivamente la formula del premio cinematografico il Collettivo Askavusa ha deciso di chiamare sull’isola tutte le realtà nazionali e internazionali che stanno portando avanti ragionamenti e pratiche di lotta sui temi: Guerra, migrazioni e capitale.
Lo scopo del confronto sarà quello di individuare una linea comune sul piano teorico e ragionare su una serie di iniziative coordinate e condivise.
Una parte degli incontri sarà dedicata alle problematiche specifiche dell’isola di Lampedusa attraverso la proiezione dei documentari di Libera Espressione – Lampedusa on line e delle discussioni che ne seguiranno.
Leggi tutto...
 
Ogni giorno è il 3 ottobre
Sabato 03 Ottobre 2015 07:31

Collettivo Askavusa
Comunicato
Lampedusa 03/10/2013 – 03/10/2015

Il 3 ottobre del 2013, a mezzo miglio dalle coste di Lampedusa, una barca naufragava con a bordo 540 persone circa, la maggior parte di nazionalità eritrea. L’affondamento provocò 366 morti accertati e circa 20 dispersi presunti, i superstiti sono 155. I sopravvissuti dicono che tra le 3.00 e le 3.30 due imbarcazioni, di cui una con un faro molto potente e simile ad una vedetta militare, si avvicinarono alla loro barca puntandogli i fari addosso. Dopo questa operazione le due barche si allontanarono lasciando nel panico le 540 persone. Una di loro, per fare dei segnali di aiuto, diede fuoco ad alcune coperte che, cadendo a terra, provocarono un incendio. Le persone, impaurite, si mossero bruscamente e la barca si ribaltò.

Leggi tutto...
 
LIF 2015 - Conclusioni sulla settima edizione
Venerdì 02 Ottobre 2015 15:44

Il 26 settembre si è chiusa la settima edizione del LampedusaInFestival. Vogliamo innanzi tutto ringraziare tutte le realtà che hanno preso parte al Forum Controfrontiere. Prezioso il contributo che ognuna di loro ha apportato alla discussione, le importanti connessioni che si sono create fra noi, bellissimo immaginare un mondo altro e impegnarsi ogni giorno per raggiungerlo.

Ringraziamo inoltre tutti gli sponsor del festival, l'Archivio Storico di Lampedusa, gli artisti che si sono esibiti e chiunque si sia speso per l'organizzazione e lo svolgimento della 3 giorni. Un ringraziamento speciale a Barbara e Daniel.

Ricordiamo che le attività del Collettivo Askavusa continueranno a PortoM durante tutto l'arco dell'anno, e che potete sostenerle attraverso la campagna di crowdfunding.

Aiutateci a rimanere indipendenti e continuare ad urlare il nostro dissenso.

Collettivo Askavusa

 

Sostieni l'impegno di Askavusa a Lampedusa!

Realizziamo insieme PortoM, uno spazio di lotta, memoria e storie di mare al centro del Mediterraneo.

Scopri come, clicca qui: http://linkpdb.me/8722

 
La redazione di Contropiano​ saluta i compagni e le compagne del LampedusaInFestival
Giovedì 01 Ottobre 2015 09:51

Presidi permanenti di sostegno ai migranti come quello di Ventimiglia, la determinazione del movimento No Muos, l’attuale attivazione di una rete contro l’esercitazione denominata Trident Juncture, realtà giovanili che promuovono convegni nazionali per comprendere gli attuali sviluppi della Nato: sostenuti da quell’ottimismo della volontà che mai ci mancherà, ci sentiamo di affermare che c’è vita su Marte. Quando infatti si tratta di trovare interlocutori, anche solo relativamente a quei temi che riguardano l’intreccio degli epifenomeni economici e militari sul piano internazionale, quelli appena elencati sono esempi di una certa ripresa di ragionamenti e pratiche condivisibili lungo tutta la penisola, e che crediamo possano costituire uno dei punti di partenza per costruire discorsi e pratiche di rottura con l’attuale opportunismo della classe dirigente mitteleuropea e con il buonismo di certo umanitarismo complice. È per questo che come redazione di Contropiano seguiamo da tempo, con report, documentazione e approfondimenti le sorti di questi fuochi vivaci nelle tenebre sotto le quali il senso comune e il sistema informativo e mediatico sembrano voler coprire la realtà. Crediamo infatti che dai fenomeni apparenti, passo dopo passo, sia possibile ricostruire insieme la trama da cui essi si sono dipanati, tentando di risalire alle concause e alle responsabilità di chi trae vantaggio dalla gestione delle contraddizioni della nostra epoca. Queste tematiche, dibattute anche al Lampedusa In Festival, rientrano proprio in uno di quegli ambiti di indagine che sollevati davanti agli occhi del “pubblico di classe” più largo possibile dovrebbero indurlo ad attivarsi e a lottare, obiettivo che poniamo alla base dell’esistenza stessa del nostro giornale, funzione che anche qualora riuscissimo ad assolvere è certamente necessaria ma non sufficiente per contribuire al cambiamento che vogliamo vedere nel domani. Per questo, seppure materialmente impossibilitati a presentarci sull’isola, abbiamo colto l’invito a prendere parte a quello che ci sembra un dibattito ricco e articolato. Questo vuole quindi essere il nostro modesto contributo al ragionamento comune.

Leggi tutto...